English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
Quiero esto en mi Blog!

venerdì 13 agosto 2021

La leggenda del Cavalluccio marino

 



Nelle profondità del mare nasce la leggenda di una misteriosa e bizzarra creatura che, pur appartenendo al genere dei pesci, non vi assomiglia affatto. Il nome di questa affascinante creatura sarebbe Ippocampo ma è meglio conosciuto come Cavalluccio marino, per via di quel suo strano modo di nuotare in posizione verticale e per il muso che ricorda quello di un cavallo.

                                                    

La leggenda ha inizio sulla terra e narra di due giovani cavalli innamorati che galoppavano e si rincorrevano tutto il giorno per i prati, liberi e felici. Ma un giorno accadde che udirono all’improvviso dei profondi ringhi e ululati, solo allora si accorsero di essere inseguiti da un branco di bestie selvagge.

C’è chi racconta che gli inseguitori fossero cani randagi e chi, addirittura, parlasse di un’orda di lupi famelici, comunque fosse, i due cavalli intuirono presto di essere diventate prede e fuggirono terrorizzati. 

                                              

Il destino volle che imboccassero un sentiero sbagliato che li condusse soltanto sul ciglio di uno strapiombo sul mare.

I due videro il vuoto delinearsi all’orizzonte e sotto di loro una immensa distesa di acqua salata. Si guardarono, consultandosi. Che fare? Fermarsi e lasciarsi divorare vivi da quell’orda famelica o continuare la folle corsa con un tuffo finale nel mare?

I due fuggitivi non ebbero dubbi ed esitazioni e scelsero di lasciarsi cadere nel vuoto.

Folli di terrore videro le onde del mare in burrasca montare rabbiosamente verso di loro, come un mostro deciso a ghermirli e tentarono in tutti i modi di attutire l’impatto allungando disperatamente le zampe, ma il loro tuffo fu così violento da lasciarli intontiti e senza fiato. Mentre loro affondavano, i marosi spumeggianti e rabbiosi si rinchiusero sulle loro teste.

La leggenda narra che Nettuno, il dio del mare, aveva assistito dal suo regno alla fuga dei due innamorati e al loro disperato tentativo di sottrarsi agli inseguitori con quel tragico tuffo finale. Nettuno s’impietosì e decise di aiutarli a modo suo.

Un attimo prima che i due cavalli annegassero i loro corpi subirono una mutazione: il manto perse il pelo e si ricoprì di squame, le zampe divennero pinne e i polmoni mutarono in branchie. Ora le due creature erano in grado di nuotare e respirare sott’acqua. Il prodigio era compiuto.

Gli abitanti degli abissi, pesci, molluschi e crostacei assistettero con meraviglia alla mutazione e accolsero benevolmente i nuovi arrivati.

La leggenda termina narrando che il branco di bestie fameliche, non avendo avuto lo stesso coraggio delle prede, rimase sul ciglio del baratro rodendosi per la rabbia e per la fame da…lupi!

                                                                            

Ricerca effettuata sul web ed elaborata dall'autrice del blog

La leggenda della felicità

  Dov'è la felicità? "Il Cuore si rivolse al Vento: "Tu che soffi sulle foreste più fitte, ti prego, dimmi dove è la felic...