English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
Quiero esto en mi Blog!

sabato 22 agosto 2020

L'albero della cuccagna

 


C'era una volta la sagra di campagna

dove si allestiva l'albero della cuccagna;

in pochi oggigiorno sanno che gioco è

e se continui a leggermi ti spiego io cos'è.

 

Il nonno vi giocava quando ancora era ragazzo,

agile come un gatto e forse anche un po’pazzo,

sul palo s'arrampicava unto tutto di grasso

avvinghiato forte e facendo un po’ il gradasso.

 

L'intento aveva di giungere in alto fin lassù

dove era appeso molto, di tutto e ancor di più,

ma oltre l'equilibrio occorreva anche coraggio

per arrivare infine a salsicce e sino al formaggio.

 

                          Un poco risaliva e un poco scivolava,

ma senza mai arrendersi ancora s’avvinghiava

e senza alcuna corda e senza alcun legame

arrivava a prendere almeno un salame.

 

Solo chi era agile come una scimmia

riusciva a fare del cibo una vendemmia,

leccornie, prosciutto e ancora salame

per soddisfare l’orgoglio e financo la fame.





Filastrocca pubblicata su SfogliandoPoesia.com

Immagini GifAnimate.com

11 commenti:

  1. L'albero della cuccagna è una chiara metafora della nostra vita.
    Ciao Vivì.

    RispondiElimina
  2. Bellissima filastrocca!Pere il 15 di agosto nel paese di mio marito si faceva questo vecchio gioco.

    RispondiElimina
  3. Molto bella !! E' un'usanza ormai dimenticata ma la mia nonna mi raccontava che, quando lei era giovane, si faceva l'albero della cuccagna ed era una bella sfida da guardare, nonchè una gioia per chi riusciva a portarsi a casa qualche cosa. Saluti.

    RispondiElimina
  4. Bom dia de domingo, querida amiga Vivi!
    Tão gracioso e eu costumava a ir em criança assim como diz nos versos.
    Um parque infantil é uma bela recordação que revivi nos netinhos.
    Tenha um nova semana abençoada!
    Bjm carinhoso e fraterno de paz e bem

    RispondiElimina
  5. Buonasera, Vivi, la filastrocca e bellissima, molto graciosa... ma cos'è questo albero? non importa, comunque i ricordi, la nostalgia e la magia sono ancora qui, girando come sempre!

    Invio amore dalla foresta dei piani superiori, e buona domenica! 🧚 🌷🌻🌈🌷

    RispondiElimina
  6. Armoniosa filastrocca verseggiata in un lessico che attrae il lettore che la legge con vero piacere. Sempre brava e immaginifica la nostra Vivi ci delizia con le sue opere. Complimenti, un abbraccio Grazia!

    RispondiElimina
  7. Ottima filastrocca che mi ricorda la mia giovinezza. Ci ho provato molte volte, ma mai riuscito ad arrivare in cima. A Venezia esisteva anche una variante : il palo di sezione triangolare e fissato a terra con dei cuscinetti rotanti, si spingeva sino al centro del canale con alla fine i premi. Sembra facile a dirlo, ma a farlo .... quante cadute in acqua e per fortuna che era solo durante l'estate. Buona serata domenicale.

    RispondiElimina
  8. Ciao Vivì.
    Ne ho solo sentito parlare sai? Forse da noi non si usava, non so.
    Comunque bello conoscere il gioco anche attraverso i tuoi simpatici versi e ti ringrazio.
    Alla prossima, ti abbraccio.

    RispondiElimina
  9. bellissima. Sai che nel circolo abbiamo alcune foto vecchie e una ritrae una giovane ragazza arrampicata sul palo della cuccagna e si era classificata prima di altri ragazzi maschietti. Buona giornata VAleria

    RispondiElimina
  10. Trascinata indietro negli anni dalla tua bellissima, e perfetta nella descrizione, filastrocca.Ricordi,non sempre belli ,della mia infanzia,ma incancellabili!Sempre più brava:sei proprio nata xnarrare di tutto e di più.Un abbraccio.

    RispondiElimina
  11. é visibile il mio commento di qualche minuto fa?Fammi sapere.Ciao.

    RispondiElimina

La leggenda del Pettirosso

                                                                                                                                Tanto, tan...