English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
Quiero esto en mi Blog!

mercoledì 17 giugno 2020

A caccia di lucertole




Come drago minuscolo mi appariva
e con un guizzo della coda poi spariva,
biforcuta la lingua e verdi squame,
come bizzarra creatura nel mio reame.


La rividi ancor col corpo lungo e stretto
crogiolarsi al sole avvinghiata a un muretto
scrutando intorno con sguardo vispo e attento,
pronta alla fuga con uno scatto in avanti.


Oltre rimirai a un’ape su un fiore,
e all’aggraziata danza di farfalle in amore
e lei aggrappata al mattone un po’ più in là,
sonnecchiando ma pur sempre sul chi va là.



Sempre a caccia e in agguato a quel muretto,
quatto quatto è arrivato il mio cagnetto,
in cerca di lucertole e in quell'occasione
di far di quella preda, forse, un sol boccone.


Di un solo istante mi è chiaro uno sprazzo,
il minuscolo drago sparì con un guizzo
e il mio cagnetto a rincorrere l'evaso
è rimasto ancora con un palmo di naso.







Poesia  pubblicata sul sito Scrivere
Gif Animate.com

21 commenti:

  1. Questa storia mi piace.
    Ciao Vivì.

    RispondiElimina
  2. Ciao Vivì...questa tua filastrocca fila come un treno ed è molta simpatica. Anche la mia cagnetta Molly è sempre a caccia di prede ma non credo per mangiarsele. Comunque tanti complimenti anche per le filastrocche e sai che ti dico? Ti seguo anche qui, anche se preferisco i post del fantasy.Ciao Vivì

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Leo...mi hai fatto un piacere enorme e a me non dispiace affatto che mi segui anche qui...eh eh eh.😊😊😊

      Elimina
  3. complimenti per l'impegno e la cura che metti in ogni particolare.
    simpatiche le bolle :)
    buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antony e buona giornata.

      Elimina
    2. grazie a te. del resto comprendo perfettamente anche lo spirito "melodico" a cui accenni nel commento sul mio blog. ciao

      Elimina
  4. Minni mia impazziva per le lucertole, si divertiva un mondo a dar loro la caccia e a giocarci e a buttarle di qua e di là, fino a quando non si muovevano più. Tante volte ho cercato di salvare dalle sue sgrinfie quelle povere lucertole e di metterle al sicuro e lei diventava matta. Ora Minni non c'è più, ha pagato cara la sua vivacità e la sua voglia di avventure e l'ho pagata anch'io, perchè Minni era il mio tesoro. Molto bella la tua paesia, con la grafica che l'accompagna. Saluti.

    RispondiElimina
  5. Piccoli momenti di tenera quotidianità, tramutate in favola *_*
    Bravissima, Vivì! :*

    RispondiElimina
  6. Una simpaticissima creatura, che spesso vediamo appollaita al sole e poi sparire di corsa....
    Versi piaciutissimi, buon pomeriggio e un abbraccio, cara Vivì,silvia

    RispondiElimina
  7. Ciao Vivi come vedi mantengo la promessa. Ho scelto questo tra i tuoi tre blog perché, malgrado i miei 77 anni, amo ancora le favole ed in modo particolare, come le tue, in versi. Nulla vieta che farò un salto anche negli altri due blog. Mi sono messo tra i tuoi followers e ti invio un codialissimo saluto.

    RispondiElimina
  8. Grazie mille Elio. Sono contenta che ti piacciono le favole che non devono per forza essere indicate solo per i bambini, perché in fin dei conti, siamo tutto ancor bimbi nel cuore. Un saluto e un sorriso.

    RispondiElimina
  9. Una filastrocca davvero carina, che diventa una bella fiaba. Buon pomeeriggio, Stefania

    RispondiElimina
  10. Ahahah ma è un'istantanea della realtà, bravissima Vivì.

    RispondiElimina
  11. I bimbi ed i cagnetti impazziscono per le lucertole, le vedono belle, guizzanti, e ne vorrebbero fare un sol boccone, ma non sanno che le lucertole sono velocissime a scansare il pericolo e, filarsela di corsa lasciando il malcapitato con un palmo di naso. Un'altra bella filastrocca scritta elegantemente con versi armoniosi, com'è il tuo stile. Complimenti Vivì, un caro saluto ed un sorriso, Grazia.

    RispondiElimina
  12. Sai? le rose e le margherite erano radiose... eravamo in giardino a giocare e prendere il te con il mio amico coniglio, con nonchalance. Ma oh, Vivi, che paura e stato incontrare il piccolo drago! La mia tiara e la mia bacchetta sono cadute... eh! siamo cosi spaventosi...!
    Bellissima canzone, mia ​​cara amica. Squisita come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno cara e grazie per la tua simpatia.❤❤❤

      Elimina
  13. Mi fa piacere seguirti Vivi
    Il mio abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
  14. Ma è bellissima, complimenti.
    Buona giornata Valeria

    RispondiElimina

La dolce notte

  Nel cielo s’invola l’arcigna Befana e il vento allarga la gonna a campana; fila spedita da monte a valle trasporta un sacco sull’esi...