English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
Quiero esto en mi Blog!

venerdì 24 luglio 2020

Favola o non favola?

                          

Se vi dico che da ragazzina sono stata rapita da un Fauno voi non ci credete, vero?

Ebbene, di seguito vi racconto com'è andata e poi starà a voi giudicare se si tratta di realtà o di pura fantasia.

Non so quantificare il tempo in cui la mitica creatura mi trattenne nel regno silvestre, luogo che, evidentemente, considerava di sua proprietà. Forse furono poche ore o forse solo una manciata di minuti, ma quel tempo indefinibile è rimasto impresso nella mia memoria a volte come un bel sogno, altre come un incubo.

A quei tempi avrò avuto una decina d'anni o poco più ed ero molto graziosa. Con Lulù, la maggiore delle mie sorelle, mi recavo spesso nel nostro bosco preferito alla ricerca di funghi, di cui lei è tuttora ghiotta.

Non so proprio come accadde, ma a un certo punto ci perdemmo di vista e io mi ritrovai da sola in una parte del bosco totalmente sconosciuta.

In quel momento non mi resi conto dei pericoli che poteva correre una ragazzina sperduta nel folto, anche perché la mia attenzione venne subito catturata dall'atmosfera idilliaca che mi circondava.

Mi ritrovai in una radura dove gorgogliava l'acqua cristallina di una sorgente che, formando un ruscelletto si tuffava a valle. Intorno alla polla risuonavano i cinguettii e i vari richiami di uccellini del tutto invisibili tra i rami. Ma, il massimo della meraviglia fu lo scorgere di uno sciame di farfalle che mi circondarono, volteggiando intorno a me. Sorpresa e felice iniziai a danzare con loro cercando di accarezzare tutte quelle ali colorate.


A un certo punto però avvertii strani bisbigli e dei fruscii e mi fermai. Mi parve di sentire anche delle risatine soffocate e sussultai: “Le fate! “mormorai estasiata, ma subito dopo sentii sulla pelle uno sguardo truce e attento.

Il sangue mi si gelò nelle vene! Nascosto nel folto c 'era qualcosa di malvagio che mi stava osservando.

La paura mi mozzò il respiro in gola così che non potei urlare e nemmeno feci in tempo a fuggire. Una morsa ferrea mi teneva bloccata per le braccia.


Terrorizzata, mi volsi lentamente e notai subito le orecchie a punta, le corna sulla fronte e la lunga barbetta in un viso scavato, in cui spiccavano due occhi immensi e verdi come acque di lago o come il verde delle fronde. Le gambe ricoperte di pelo e gli zoccoli caprini li notai solo dopo.

La creatura mi scrutava con aria sorpresa: “Da dove vieni bella fanciulla? Non ti ho mai vista da queste parti! Sei forse la nuova ninfa della fonte?”

La sua voce era cavernosa e mi metteva i brividi, la sua forza impressionante. Iniziai a tremare come una foglia e balbettai una risposta:

“No ... no, signore! Io… mi chiamo Vi...vì!”

Lui sorrise. Per la verità un sorriso un po’ sghembo: “Sei tanto carina e leggiadra! Danzi così bene, che devi essere per forza una ninfa!” Poi aggiunse, indicando con un flauto un punto tra gli alberi: “Dai, unisciti a noi! Vedrai che ti divertirai.”

In quel momento si udirono dei nuovi fruscii e altre risatine ma, nonostante aguzzassi lo sguardo, intravvidi soltanto lo svolazzare d’impalpabili vesti colorate.

“Le fate!” esclamai ancora estasiata e lui: “Le fate? No, no! Sono le tue sorelline, le ninfe!”

Sorelline? In quel momento mi ricordai di Lù e immaginai  quanto fosse disperata non trovandomi.  Cercai di liberarmi dalla stretta e fu allora che sentii il richiamo accorato di mia sorella: “Vivì! Dove sei?”

Anche quella creatura sentì la voce e rinforzò la presa su di me: “E quell'umana chi è? Da dove viene? “

Ormai in preda al terrore iniziai a piangere: “Mia sorella! Mi sta cercando! Lasciami!”

Lui mi scrutò allibito: “Tua sorella? Allora non sei una ninfa? Cosa ci fai nel mio regno? Vattene e non farti più vedere se non vuoi che ti mangi viva!” minacciò, con un tono terrificante ma lasciandomi libera.

Non me lo feci ripetere e scappai a gambe levate da quella radura, più veloce di una gazzella.

La mia corsa terminò nelle braccia di mia sorella e lì, al sicuro, singhiozzai come una disperata per alcuni minuti.

Solo quando mi calmai le raccontai quanto mi era accaduto, ma lei non mi credette anzi, mi sgridò per essermi allontanata e per aver inventato quella storia.

E voi, mi credete?

                                             













Immagini Pinterest

13 commenti:

  1. Come metafora ci credo.
    Ciao Vivì.

    RispondiElimina
  2. mamma mia Vivì è così bello il tuo racconto, che potrebbe anche essere successo. Io vado spesso nel bosco alla ricerca di funghi e mirtilli, ma non ho mai fatto strani incontri, nemmeno da ragazza. Forse perchè faccio paura ehehe!In compenso ieri mentre ero con il mio papà, tra l'erba è sbucato un piccolo capriolo, se ne stava lì al ombra di un castagno per niente disturbato dalla nostra presenza.Ciao Buona giornata Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valeria. Grazie per averlo letto e per aver apprezzato. Nel bosco vado tutti i giorni e caprioli e volpi ne vedo molti. Devo dire che i Fauni sono molto più rari. Ti auguro una buona giornata e ancora grazie con un sorriso. 😘😘😘

      Elimina
  3. Un racconto bellissimo che, però, sarà accaduto nei tuoi sogni.
    Sono troppo scettica per credere alle fate e ai mostri. 🤣🤣😉

    RispondiElimina
  4. Peccato Claudia...😄😄😄 Un sorriso e un saluto.

    RispondiElimina
  5. Quante volte da ragazzina ho sognato incontri simili ma non mi è mai capitato.
    Sei stata fortunata cara Vivì.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  6. Ciao Simona, buon fine settimana.

    RispondiElimina
  7. Io sognavo sempre di essere rapito dalle ninfe del lago, sai amo molto l'acqua.
    Un caro saluto. fulvio

    RispondiElimina
  8. Ciao Fulvio. Ancora una volta non riesco a raggiungere il tuo blog. Puoi mettermi il link per favore. Grazie mille per la visita. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  9. La fantasia dei fanciulli non ha limiti, e a volte succede di vivere delle storie, fra sogno e realtà,
    che rimangono impresse...
    Sempre bello leggerti, cara Vivì, un abbraccio,silvia

    RispondiElimina

La dolce notte

  Nel cielo s’invola l’arcigna Befana e il vento allarga la gonna a campana; fila spedita da monte a valle trasporta un sacco sull’esi...