English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
Quiero esto en mi Blog!

sabato 29 febbraio 2020

Alizaar dalla lanterna magica




Soave s’appresta, creatura alata
regina silvestre e del dove incantato
dal canto ammaliante
ancor più di sirene,
portatrice e custode di luce e di bene,
  Custodir ‘na lanterna come fosse tesoro 
    assolta come missione e non come lavoro,
      con mille lucciole a farle da compagnia,
         intermittenti e briose a illuminarle la via.
Quando sorge la luna, ch’ bella come nessuna,
e riflette laggiù, nella verde laguna
la fata prepara l’arcano rituale,
movenze magiche come fosse vestale.
Nel cerchio di pietre sono alte le fiamme,
le lucciole splendono pari preziose gemme,
il bosco si desta dal suo disincanto
prigioniero di luce e di quel magico canto.
I rami e le fronde le rendono omaggio
chinando le chiome al suo passaggio
i fiori schiudono le delicate corolle,
argentino fruscio di acque vien dalla polla.
In ascolto è la fata ed è molto attenta,
a coglier nell'aria di cucciolo il pianto,
e seppur sarà flebile il primo vagito
è pronta una lucciola a lui già destinata.
Scrutano gli insetti in alto nel cielo,
laddove le stelle stendono mitico velo
pronte a far luce al cucciolo nato
ch'è da quel momento sarà vieppiù illuminato.
Cipria lunare e profumo di stelle,
intermittenti le lucciole sono sempre più belle
e sorridono ai bimbi di tutto il mondo
con loro pronte a  fare un girotondo.



Filastrocca pubblicata sul sito Scrivere dal 28/06/2010

1 commento:

  1. Uno splendido brano, denso di immagini intense e surreali, per la gioia di lettori piccoli e grandi.
    Poesia apprezzatissima.
    Buona serata e un sorriso, carissima Vivì, silvia

    RispondiElimina

Marilù e il regno delle nuvole

  Marilù, detta anche Nuvolella, era una ragazzina magica molto, molto carina, ma anche molto buffa, come del resto lo erano tutti gli abita...