Benvenuti

Ciao! Mi segui?

Ciao!  Mi segui?
English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
Quiero esto en mi Blog!

venerdì 15 maggio 2020

I giochi dei nonni


Lo sai del nonno qual era il gioco?
Non certo elettronico e costava poco.
Quando anche lui era ancor piccolino
aveva il desiderio di possedere un trenino,
che aveva adocchiato in una splendente vetrina
dove rombava pure una rossa macchinina.

A quei tempi si giocava con  biglie di vetro
 che lui con le dita schiccherava  avanti e indietro
giocava per la strada dando calci a un pallone
o correva nel vento dietro a un aquilone.

E la tua nonnina con la larga sottana
giocava a nascondino oppure a campana,
a mosca-cieca o ai quattro cantoni,
pur pagando un pegno o con le punizioni.



Quanto era brava a saltare con la corda,
dopo tanto tempo, ancor oggi se lo ricorda,
con pochi cenci si faceva un pupazzo
che lei stessa cuciva e vestiva con pezze.

Riluceva a Natale la vetrina dei balocchi,
molti nasini al vetro e sgranati gli occhi
stavano tanti bimbi con le manine appiccicate
e sognando i mille giochi restavano incantati.


Rigido e sull'attenti stava un soldatino
con le bacchette sospese sul suo tamburino
dondolava appena un soffice cavallo
e il nonno sognava di aggrapparsi al lungo collo.


A tutto tondo girava una trottola
vicino a una bionda e ricciuta bambola,
ma tu chiedi al nonnino di quella bicicletta
e lui sorriderà perché è ancor lì che l’aspetta.







Filastrocca pubblicata sul sito Scrivere

14 commenti:

  1. Chi di noi non ricorda quei giocosi momenti trascorsi nell'infantile spensieratezza insieme ai nonni? Giocattoli semplici e tanta affettività
    che, di tanto in tanto,si fanno ancora strada nella mente!
    Versi belli, buon sabato e un abbraccio, carissima,silvia

    RispondiElimina
  2. I giochi semplici di una volta !!! Ho dato un'occhiata al tuo blog di letteratura fantastica, non è un genere che amo molto, ma ci devo ritornare con più calma a leggere, nei prossimi giorni. Buon week end.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sarò felice cara e attendo un tuo parere in proposito. Grazie e buon pomeriggio con un abbraccio.

      Elimina
  3. Ho ancora una bellissima collezione di biglie di vetro, sai?
    P.S. Non dimenticarti di passare da me.
    Il jukebox di oggi è per te. 😘

    RispondiElimina
  4. Son muy bellos recuerdos. Entrañables.
    Un abrazo.

    RispondiElimina
  5. I giochi dei nonni erano molto semplici, usavano giocattoli poco costosi e, si divertivano all'aria aperta assieme ai loro amichetti aderendo a giochi che scoprivano al momento. Eppure erano tanto felici. Poesia descritta con versi armoniosi ed eleganti che ho molto gradito! Un caro saluto Vivì, Grazia.

    RispondiElimina
  6. Aquellos bellos tiempos. Lindo poema. Saludos amiga.

    RispondiElimina
  7. Bellissimo blog complimenti! Ti seguo♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mary. Piacere di conoscerti e grazie. Se ti piace il fantasy ti consiglio di visitare anche l'altro mio blog. Chissà che non ti interessi.

      Elimina
  8. Bellissimo blog complimenti! Ti seguo♡

    RispondiElimina
  9. Ma che meraviglia questo blog di favole! *_* felice d'averlo trovato <3

    RispondiElimina
  10. Buona sera, Vivi! giocare con i nonni, che tenerezza, che dolcezza, quanto amore! quanto e stata divertente la mia infanzia e come sono passati gli anni. Il tuo lavoro mi fa battere forte il cuore! Com'e stato bello andare a giocare con le bambole di mia nonna e la bicicletta rossa che mio nonno mi ha regalato! Hai ravvivato per me molti bei ricordi dei miei amati e indimenticabili nonni.
    😘🌹✨

    RispondiElimina
  11. Ho dimenticato di menzionare il cibo squisito di mia nonna ... da morire! jajaja

    RispondiElimina

È sempre la mamma

Apro gli occhi e guardo intorno c'è la mamma a darmi il buongiorno, scruto attento e all'improvviso mi accarezza con un s...