English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
Quiero esto en mi Blog!

giovedì 7 maggio 2020

Din, don, dan




Din, don, dan,
così suona una campana,
molto intonata seppur lontana
e da quell’eco, che par suo gemello,
torna ripetuto come fosse ritornello.

Din, don, dan, ripete ancora
ben scandendo il tempo e pure l’ora
e da quei colli arriva a valle
senza fare pausa né intervallo.

Din, don, dan risponde in tutta fretta
la campanella di una chiesetta
che, seppure priva di un campanile
l’argentina voce vuol far sentire.


Dodici i rintocchi di mezzogiorno,
che gai risuonano allietando i dintorni,
mentre i dodici di mezzanotte
sono più pacati nel dar la buonanotte


ma se un concerto risuona nella testa
è giunto per tutti un dì di festa!

                                                                  

Filastrocca pubblicata sul sito Scrivere

6 commenti:

  1. Tutti gli scampanellii gai della nostra vita. Ti abbraccio e buona giornata Vivì. Ciao.

    RispondiElimina
  2. Il suono delle campane ha sempre attirato la nostra attenzione, qualunque sia la tonalità intonata...
    Versi belli, buon giovedì e un abbraccio, carissima,silvia

    RispondiElimina
  3. Bellissimo il suono delle campane fa sentire il cuore in festa. Ma ci sono anche rintocchi che, invece, portano tristezza quando vogliono salutare qualcuno che lascia questa terra. Ma è sempre bello il loro suono e, qui, è verseggiato egregiamente, con la dovuta armonia che è stile della poetessa. Una poesia apprezzata nel contenuto e nella forma presentata, complimenti Vivi^ un saluto affettuoso da Grazia.

    RispondiElimina
  4. Buongiorno ! La tua poesia è molto carina e la leggo volentieri perchè mi riporta agli anni del lavoro , a scuola. Saluti.

    RispondiElimina
  5. Noi viviamo di fronte alla cattedrale della città, quindi le campane sono il nostro pane quotidiano.
    Bello associarne il suono ad una filastrocca!

    RispondiElimina
  6. Buona sera, Vivi, que tal, como estas! molto carina, divertente poesia, adoro le campane perche sono vestigia della cultura antica. Risvegliano in me emozioni... sono evocative e attirano angeli!
    Baci fino a Genova 👼🐰🌟☀️🌸🌼

    RispondiElimina

La dolce notte

  Nel cielo s’invola l’arcigna Befana e il vento allarga la gonna a campana; fila spedita da monte a valle trasporta un sacco sull’esi...