English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
Quiero esto en mi Blog!

domenica 15 marzo 2020

Filastrocca del raffreddore





Rimbrotta il cielo
un cupo suono
saetta il lampo
espande il tuono.
                                              Langue quel sole
                                        e il vento fa capriole
                               e con le nuvole a pecorelle
                      scroscia la pioggia
          a catinelle.
Apri l’ombrello
evita schizzi
e con saltello
passa oltre le pozze.  

Su non fermarti
e non ti bagnare,
sotto quel tetto
ti puoi riparare.
Ma se ti goccia
forte il nasino
 ecco qua un fazzolettino
soffia con garbo
ma senza timore,
ti sei beccato
un bel raffreddore.
                                   Ma se ti duole
                             anche la gola
                   corri da mamma
             che cura e consola,
ti mette a cuccia
            nel tuo lettino
                        quindi ti abbraccia
                               e ti da un bacino.
Dormi bambino
dormi tranquillo
con te hai un angelo
che veglia e culla
e nel tuo sogno che ascende lassù
il raffreddore ormai non c’è più.

                                                                 










tutti i diritti sono riservati  legge 633/1941

3 commenti:

  1. Anche un banale raffreddore, può lasciar scaturire dei deliziosi versi, di monito per i bambini, perchè facciano più attenzione a non ammalarsi...
    Buon inizio di settimana e un abbraccio, cara Vivì,silvia

    RispondiElimina
  2. Bellissima e musicale anche questa tua filastrocca colma di tenerezza. Vivì, hai un animo di bimba.
    Complimenti!, un caro saluto da Grazia!

    RispondiElimina
  3. Molto bella questa filastrocca!

    RispondiElimina

La leggenda del Pettirosso

                                                                                                                                Tanto, tan...