English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
Quiero esto en mi Blog!

lunedì 16 marzo 2020

La filastrocca del mare





La filastrocca che viene dal mare
a molti  bimbi vorrei insegnare
nell'acqua nasce e  narra  dei pesci
vieni a scoprire un mondo al rovescio.

Nuota il delfino giocherellone,
poi fa l’inchino con  capriole,
il pesce palla gonfio e rotondo
rimane a galla non tocca il fondo.

                            La tartaruga col carapace
scuote le pinne finché le piace
e il gamberetto che è un po’  scontroso
diventa rosso andando a ritroso.

E il grande polpo che non ha  colpe
attacca  ventose a tutto quello che palpa,
il pesce pagliaccio al quale non piaccio
mi gira intorno e mi fa le boccacce.

Il cavalluccio detto ippocampo
dondola sempre scandendo il tempo
e quella manta che muove elegante
pare che danzi nera e gigante.

Il pesce gatto non miagola affatto
sfugge alla rete e forse anche al sacco
la stella marina che rimane sul fondo
gira e rigira e non illumina il mondo.

C’è anche il corallo
che è rosso vermiglio
e anche il mollusco
nella conchiglia
e la medusa che è trasparente
galleggia danzando nella corrente.



La filastrocca che viene dal mare
se tu l’impari  potrai cantare.
Ma se conosci tanti altri pesci
fammi sapere e le strofe arricchisci.


Vivì Coppola 

tutti i diritti sono riservati  legge 633/1941

2 commenti:

  1. Un allegrissimo mare, in cui tantissime gioiose creature, fanno la loro speciale parte.
    Poesia piaciutissima.
    Serena sera e un forte abbraccio, cara poetessa,silvia

    RispondiElimina
  2. Incantevole filastrocca che mensiona con armonia e musicalità tanti esseri che stanno nel mare, in modo da far loro conoscere la fauna marina e i loro nomi ai bimbi picci,i che, hanno tanto da imparare. Bravissima e fantastica Vivì! Un caro saluto, Grazia.

    RispondiElimina

La leggenda del Pettirosso

                                                                                                                                Tanto, tan...