English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified
Quiero esto en mi Blog!

venerdì 6 marzo 2020

La favola del giorno




Il galletto bianco lanciò il suo sonoro chicchirichì nell'aria del mattino, non ancora riscaldata dal sole nascosto dietro le colline. La valle amplificò il suo richiamo facendolo arrivare sino alla collina situata di fronte, dove in attesa e in ascolto c’era il galletto verde, il quale a sua volta lo rilanciò, espandendolo in tutta la vallata. Il chicchirichì fu dunque ripreso da un   galletto amburghese:
« Chicchirichì! È nato! Eccolo qui!»
Una chioccia del pollaio, ancora appisolata sul pagliericcio a covare, sollevò la sua testolina bianca appena crestata dicendo:
« Chi co cocco cococcodè!! È nato un re?»
La domanda, trasportata dall’ ampia eco, percorse l’intera vallata posata beatamente  sulle ali della brezza gentile e arrivando infine al paese più vicino.
« Din don da!» risuonarono le campane « Accorrete tutti din! È nato don! Eccolo qua dan! Din don dan!»
A quel scampanellare vivace, intercorse un cinguettio fitto fitto tra gli innumerevoli nidi sugli alberi, ricchi di vita, del boschetto sottostante. Ognuna di quelle variopinte specie di volatili, chinava il capo teneramente sui propri piccoli, chiedendosi quale dei suoi  pulcini avesse suscitato, con la sua nascita, tanto clamoroso interesse.
« Cip cip cip! Forse il principe è qui!»
Persino le mucche alzarono alte le loro voci e, con profondi muggiti,  espansero nell’aria la loro domanda: 



« Muuu!! Muuuu! Mah! Chissà chi lo sa!»    





« Sgrunf!  Sgronf! Ronf! Io non so!» rispose un maialino.          


« Cra cra cra! Il galletto bianco lo sa!» fece eco una delle nere cornacchie, con aria da saputella, zampettando da una parte all'altra della verde vallata.
Insomma, la domanda volò per parecchio tempo, trasportata anche dall'aleggiare leggiadro di farfalle variopinte e diafane  libellule dalle ali trasparenti.
« Bee! Bee! Sentite me che son l’araldo del re!» annunciò  serafica una nera capretta.
« Qua! Qua! Qua! Chissà chi lo sa!» disse invece scodinzolando col suo buffo codino mamma papera seguita da una sfilza di anatroccoli neri, che pinneggiavano goffamente nel laghetto argentato.
Il galletto bianco consapevole di aver suscitato con il suo annuncio così tanto scalpore, gonfiò a dismisura il petto e, spingendo in alto con orgoglio la sua cresta, rincarò la dose cantando:
« Chicchirichì! Chicchirichì! Vi chiarisco tutto se venite qui!»   
Tutti quelli  che avevano raccolto il canto del sagace e astuto  galletto accettarono l’invito e, in poco tempo, nella fattoria sulla collina, una folla di animali di tutte le taglie poté ammirare un grosso fiocco rosa e uno azzurro appesi alle nuvole nel cielo. Rosa come l’ alba che colora a oriente e azzurro come il cielo sereno.
Una sonora e unanime esclamazione di meraviglia si levò alta dai presenti: « Ohhh!»
«È nato! È figlio di tutti ed è il padre dei belli e brutti! - esordì il galletto. - Il suo nome è “ Dì, nuovo Dì”   e in genere ha   veramente un bel carattere, poiché quando è tranquillo è solare, e solo quando è arrabbiato diventa scuro e fa scendere grossi lacrimoni, lancia sguardi fulminanti e profferisce paroloni tonanti. In quel momento non bisogna provocarlo, ma lasciare che  sfoghi tutto il malumore e in un battibaleno con un bel sorriso… iridato tornerà a splendere, illuminando e scaldando tutti quelli che gli si affideranno. Siate allegri or dunque tutti quanti, poiché il tempo ha partorito per tutti noi un altro figlio prediletto e lo ha messo generosamente a disposizione di tutti gli abitanti di questo pianeta ridente.»
Così narrò il galletto bianco la favola del nuovo giorno che sorge immancabilmente dopo ogni oscura notte. È così dagli albori del tempo, e così sarà per sempre!







Favola pubblicata sul sito Scrivere  dal 30/06/2011

2 commenti:

  1. Pagine vivacissime, su cui mi soffermo con molto piacere, per catturare "un guizzo di allegria".
    Un abbraccio, poetessa,silvia

    RispondiElimina
  2. Tanta fantasia, e spiccata creatività, nella tua bella fiaba!
    Un abbraccissimo,silvia

    RispondiElimina

La leggenda del Pettirosso

                                                                                                                                Tanto, tan...